La presenza digitale della tua azienda è in pericolo: quattro KILLER silenziosi e letali sono dietro l’angolo e minacciano il tuo sito web.

La buona notizia è che questi 4 maledetti criminali possono essere affrontati e battuti, se ti metti subito sulle loro tracce e ne anticipi le mosse.

DEPISTAGGIO: La pagina 404

Quando un utente non trova quello che sta cercando, il sito gli mostra una pagina di errore: la classica pagina 404.

Potrebbe aver cliccato su un link non più esistente, ad esempio, o l’URL di origine potrebbe contenere un errore di battitura.

In ogni caso, questi errori indicano all’utente che qualcosa è andato storto e ciò disturba notevolmente la sua esperienza di navigazione.

Le pagine 404 possono essere sfruttate per dare un’immagine ironica e divertente al tuo sito web, sdrammatizzando un momento in cui lo stato d’animo dell’utente non è dei migliori…

Il più delle volte, infatti, sono dolori: i tuoi visitatori volevano una soluzione semplice a un problema, sono venuti sul tuo sito e tutto quello che hanno trovato è…una pagina di errore! 🙁

Questi messaggi frustrano sia i webmaster che gli utenti.

Sebbene non possano “uccidere” completamente il tuo sito web, basta una discreta quantità di errori 404 per danneggiare in modo significativo le conversioni e il tuo posizionamento su Google.

Tuttavia, esistono modi semplici per tenere traccia degli errori 404: la soluzione migliore è il monitoraggio degli eventi attraverso Google Analytics.

Questa semplice strategia di tracciamento ti offre gli indizi migliori su cosa funziona e cosa no e, ancor più importante, ti dà un’idea dei motivi per cui le persone “inciampano” nella tua pagina di errore 404.

Potrebbe interessarti:  La storia (vera) di un sito web creato da una nota azienda...

FURTO: Contenuti del sito web duplicati o copiati

Tutti aspirano ad essere originali. E a nessuno piace essere copiato. Figuriamoci quando si tratta di veri e propri furti.

Può capitare, infatti, che i tuoi contenuti (testi e foto soprattutto) vengano copiati o letteralmente rubati da qualcun altro.

Tecnicamente è equivalente al furto di identità.

Non è mai un momento divertente realizzare che il duro lavoro da te fatto è stato copiato da un’altra organizzazione o sito web.

Ci sono 2 ragioni principali per cui dovresti preoccuparti di questo killer silenzioso e invisibile:

1. Perdita di vantaggio competitivo

Chi copia il tuo contenuto danneggia la tua Brand Reputation.

La copia di contenuti da parte di aziende dello stesso settore può essere dannosa per la reputazione del tuo brand, specialmente se l’articolo copiato è importante per dimostrare la tua autorevolezza nel tuo campo.

2. I contenuti duplicati sono penalizzati da Google

Google non ama i contenuti duplicati. Anzi, possiamo dire che li odia al punto tale da penalizzare i siti web che li presentano.

Una buona soluzione per togliere di mezzo questo criminale che minaccia il tuo sito web è monitorare costantemente i competitor, eseguire una ricerca per vedere chi possiede il dominio e, in caso di copia, avvisarlo.

Fagli sapere che sai del furto.

A volte basta una lettera informale per invitarli a rimuovere il contenuto. In caso contrario, invia un reclamo alla società di hosting.

Sii pronto a dimostrare che il contenuto è davvero tuo!

RUMORI MOLESTI: Video o Musica fastidiosa

Molti siti utilizzano video e musica per attirare l’attenzione.

Intendiamoci, i video sono fondamentali per veicolare i contenuti. Anche le tracce audio hanno un loro spazio all’interno di una strategia.

Ma, da sole, queste due tecniche impediscono ai visitatori del sito di accedere ai contenuti per i quali sono atterrati sul tuo sito.

Potrebbe interessarti:  [CHECKLIST] 10 cose del tuo sito che devi controllare regolarmente

La riproduzione automatica di video e musica può interrompere una normale esperienza di navigazione, facendo scappare gli utenti.

Una buona soluzione potrebbe essere quella di dare al visitatore la possibilità di scegliere autonomamente SE e COME riprodurre video/audio.

Questo almeno li incoraggia a continuare a fare “scelte positive” fino al momento dell’acquisto.

STALKING: Troppa pubblicità

La pubblicità ha, e avrà sempre, un posto di rilievo nel mondo digitale.

Può generare traffico e far aumentare i clienti.

Ma può anche uccidere un business, se usata in eccesso.

Un annuncio pubblicitario non dovrebbe MAI essere la prima cosa che un visitatore vede quando arriva sul tuo sito.

Un numero eccessivo di annunci, banner e pubblicità può compromettere l’esperienza che stai cercando di offrire al tuo utente.

Sii equilibrato sul modo in cui gli annunci vengono visualizzati sul tuo sito web.

Pensa alle esperienze negative che hai avuto con le pubblicità in passato. Questo può aiutarti a trovare un punto di partenza da cui puoi iniziare a identificare i modi alternativi per mostrare la pubblicità sul sito.

In conclusione…

Creare un sito web che funzioni (e funzioni bene) richiede tempo.

Ma ci vuole ancora più tempo per creare un sito web che sviluppi conversioni importanti.

Se ritieni che i tuoi tassi di conversione stiano soffrendo, prenditi un po’ di tempo per valutare se qualcuno di questi “killer” si nasconde nell’ombra.

Lo so, molti imprenditori non riescono a trovare il tempo per queste importanti attività.

Oppure commettono errori quando si affidano ad una figura poco professionale.

Se sei uno di questi ma vuoi migliorare la visibilità della tua azienda e il tasso di conversione del tuo sito web, iniziamo a discutere di come posso aiutarti nei tuoi sforzi di marketing.