Sai cos’è una landing page? Se la risposta è no, sappi che ti stai perdendo qualcosa.

Mettiamola così: hai appena creato il tuo nuovo sito web. Moderno, pulito, elegante.

Hai una forte idea imprenditoriale in cui credi davvero, e non puoi aspettare per lanciarla.

Ma quanto ne sai di marketing online? Come puoi ottenere il massimo dal tuo sito? C’è qualcos’altro che puoi fare per spingere le vendite e aumentare i contatti?

Ecco, la risposta a tutte queste domande è semplice: crea una landing page.

Landing Page cos’è

Una landing page è una pagina web dedicata ad uno specifico prodotto o servizio.

Spesso è indipendente e autonoma dal sito, nel senso che non è possibile accedervi navigando nel sito web, non è inclusa nella navigazione generale ed è importante tenerlo a mente.

In poche parole, la landing page non è una pagina classica del sito, accessibile da una voce di menu: è una pagina a sé stante.

Landing Page significato

Landing page significa “pagina di atterraggio”.

È una pagina di destinazione, in cui un potenziale cliente “atterra” dopo aver fatto clic su un annuncio o qualcosa di simile.

Spesso le landing page sono collegate a specifiche campagne, e vengono create appositamente per ricevere le visite dei potenziali clienti che hanno cliccato sull’annuncio, con l’obiettivo di convertirli, cioè di trasformare quel visitatore in cliente.

Con una landing page devi avere solo un obiettivo in mente: conversioni.

Come puoi immaginare, questo significa che deve essere conciso e diretto al punto.

Tutte le informazioni più importanti per catturare l’interesse si trovano sulla pagina di destinazione. Un potenziale cliente deve capire in pochi secondi cosa fai, cosa offri e quali sono i vantaggi.

Inoltre – fondamentale – deve poter acquistare, fornirti la sua email o contattarti in modo semplice e veloce.

Un aspetto cruciale della creazione di una landing page è la cosiddetta “call to action“, ossia la chiamata all’azione, la leva che spinge l’utente a compiere lo step successivo.

www.netflix.com
In questa immagine puoi vedere un esempio di call to action vincente: il pulsante PROVALO ORA di Netflix, chiaro e convincente

Crea landing page vincenti: cosa non deve mancare mai

Riassumendo quindi, possiamo dire che una grande landing page è semplicemente quella che definisce chiaramente la sua proposta e genera contatti. Facile a dirsi, ma il modo per ottenere questo risultato richiede alcunia ccorgimenti che rappresentano un “must” per ogni creazione di successo.

Molte grandi pagine di atterraggio incorporano funzionalità come:

  • Un video esplicativo che illustra l’offerta e il suo valore
  • Foto affidabili di persone e testimonaize reali di chi ha provato il prodotto o servizio
  • Risposte alle domande più frequenti (per ridurre obiezioni e attriti)
  • Testi brevi, convincenti e di effetto
  • Una spiegazione di “cosa aspettarsi” dopo l’invio del modulo

Idee landing page e consigli utili

Cerchi consigli e idee su come creare una landing page vincente?

Ecco una breve lista da tenere sempre a mente durante lo sviluppo:

  • Non includere un menu di navigazione
  • Usa sapientemente i colori, facendo risaltare molto la call to action rispetto al resto (anche a costo di utilizzare un colore totalmente estraneo al contesto)
  • Utilizza dei testi chiari, semplici e diretti, ma convincenti: usa la fantasia!
  • Aggiungi foto e video di alta qualità
  • Includi le testimonianze dei clienti, i loghi dei brand, le recensioni
  • Non dimenticare di inserire le tue informazioni di contatto!
  • Ottimizza la pagina per i dispositivi mobili

Ho raccolto qui sotto una serie di landing page fatte molto bene, in modo che tu possa farti un’idea su cosa includere nel tuo design per aumentare le conversioni.

Potrebbe interessarti:  Storytelling vincente: le 5 cose che rendono grande una storia di marketing

Landing Page esempio

Click funnels

landing page clickfunnelsUna delle landing page migliori – e non potrebbe essere diversamente…- è quella di Click Funnels, il servizio di creazione di funnel.

Una pagina che da subito si presenta con tutte le caratteristiche richiesta ad una buona landing page:

  • chiarezza dei testi: si capisce subito cosa fanno
  • video esplicativo che parte in autoplay
  • pulsante che risalta, con la chiamata all’azione “inizia la tua prova gratuita di 14 giorni”
  • dati sull’utilizzo del servizio da parte degli altri utenti
  • testimonianze

La pagina continua spiegando i vantaggi e intervallando le varie sezioni con la call to action vista in apertura, e si conclude con le risposte alle domande più frequenti.

Questo è il tipico esempio di landing page che ti spinge ad acquistare il servizio, perché è convincente e ti fornisce tutta una serie di informazioni cruciali: non ti serve sapere altro.

Unbounce

landing page unbounce

Un’altra landing page che adoro nella sua semplicità è quella di Unbounce per il download di ebook gratuiti.

La pagina presenta diverse caratteristiche che la rendono vincente:

  • Titolo chiaro e diretto
  • Cosa c’è nel libro: un breve testo esplicativo
  • Foto del libro al centro della pagina
  • Form di contatto chiaro e semplice, con call to action ben evidente
  • Riassunto dei vantaggi per chi scarica il libro
  • Testimonianze
  • Loghi dei brand che hanno collaborato, per aumentare il trust

Dopo aver cliccato sull’annuncio che pubblicizza l’ebook, eccoci quindi atterrare su questa pagina. Il download è praticamente fatto, basta inserire l’email e il nome e si ottiene una preziosa risorsa gratuita. Ecco perciò che lo scopo per cui è stata creata questa landing page può dirsi pienamente raggiunto!

Quicksprout

landing page QuickSproutAnche questo esempio di landing page rappresenta i criteri fondamentali che ogni buona pagina di atterraggio deve contenere.

  • Testo chiaro e diretto, che fa capire subito di cosa si tratta e che risponde ad una specifica necessità
  • Call to action chiara e in evidenza
  • Riassunto dei vantaggi, breve e conciso

Sebbene molto più scarna delle altre, visivamente la pagina si presenta ben eseguita per la chiarezza dell’esposizione e la sua semplicità.

Spesso infatti condire la landing page di informazioni ridondanti e caotiche sortisce l’effetto opposto: spaventa e confonde l’utente spingendolo ad uscire. Meglio essere chiari, diretti, semplici, evitare tecnicismi inutili e andare dritti al sodo.

I vantaggi di una landing page

Quelli appena visti sono solo alcuni esempi di landing page che pui prendere in considerazione per creare una landing page in grado di attirare l’attenzione e convertire i visitatori in potenziali clienti.

Ora che sai qualcosa di più su cos’è una landing page, passiamo ad evidenziare i vantaggi che un simile layout può avere sul tuo business.

Landing page…per tutti i gusti

Proprio per la sua natura, una landing page si presta ad essere utilizzata in qualsiasi settore: sia che tu venda un prodotto fisico, sia che tu venda un servizio; puoi utilizzarla per la vendita diretta, oppure per collezionare contatti e fare lead generation; puoi dare informazioni oppure richiedere la sottoscrizione di un abbonamento, oppure ancora puoi offrire una risorsa gratuita in cambio dell’email.

Insomm, una landing page ti offre l’opportunità perfetta per raggiungere il tuo obiettivo.

Non c’è quasi limite a ciò che puoi fare, e poiché rappresenta una parte vitale di qualsiasi campagna di marketing, è qualcosa che non puoi far finta di non sapere…

È un buon modo per “riscaldare” i tuoi visitatori

Le pagine di destinazione sono un ottimo modo per riscaldare i tuoi visitatori prima di spingerli a impegnarsi in qualcosa.

La condensazione di tutte le informazioni importanti su un’unica pagina aumenta le possibilità di conversione.

Perché? Perché se un cliente atterrasse su una pagina generica, potrebbe non ottenere le informazioni di cui ha bisogno per affidarsi alla tua attività: uno degli errori più comuni è quello di collegare le campagne di advertising (ad esempio, campagne Google PPC)…alla homepage del sito!

Potrebbe interessarti:  Tik-Tok, analisi di un fenomeno (e come usarla per il tuo business)

Avere potenziali clienti che atterrano su una pagina di destinazione, invece, garantisce che tutti ricevano informazioni sufficienti per essere convinti, spingendoli più facilmente all’azione.

È un passaggio intermedio ma cruciale per il successo di una campagna di marketing!

Non hanno a che fare con il tuo sito web

Una buona pagina di destinazione è accessibile solo tramite un link che può essere trovato nei tuoi contenuti di marketing. Non dovrebbe esserci alcun menu di navigazione che la colleghi al tuo sito web.

A causa delle opzioni limitate offerte all’utente da una landing page, l’utente ha solo due opzioni

  • Uscire
  • Compiere l’azione che gli stai chiedendo

Non può navigare in altre pagine e distrarsi con altri contenuti: una pagina lo spinge a focalizzarsi su quel contenuto.

Mentre il tuo sito serve ad aiutare le persone a esplorare la tua filosofia, i tuoi valori e i tuoi principi, la landing page lavora intensamente per generare conversioni.

Costo landing page

schema landing page
Definire il costo di una landing page non è semplice, poiché molto è legato alla tipologia di servizio che intendi offrire.

Mi spiego meglio: dopotutto starai pensando…si tratta di una singola pagina, non di un sito intero!

Hai ragione, ma devi considerare:

  • che una landing page, proprio per la sua “ridotta dimensione” deve essere creata in maniera chirurgica, in quanto ogni singolo elemento contribuisce alla buona riuscita (o al fallimento) della strategia
  • che è necessario produrre testi accattivanti, foto ad alta definizione e contenuti realmente validi per convincere il cliente
  • proprio per questo, quasi sempre vengono realizzate più versioni della stessa pagina, per testare quale converte di più e indirizzare su quella tutti gli sforzi della campagna
  • alla pagina, il cui cuore è il form per la raccolta del contatto con la call to action, va collegata una mailing list che prevede una conferma via email automatica da inviare all’utente, più eventualmente tutta una serie di follow up
  • che è fondamentale pensare al DOPO, ossia includere una pagina di ringraziamento per l’utente che ha compiuto l’azione, possibilmente che contenga ulteriori testi e call to action per spingerlo ad effettuare un successivo acquisto o portarlo ad uno step successivo del funnel

Quindi, come hai visto, non si tratta di una semplice paginetta, ma di uno strumento di marketing vero e proprio, che come tale deve essere inserito in una strategia.

Naturalmente, mi sento di poterti tranquillizare nel dirti che una landing page costa meno di un sito web intero (quasi sempre…).

La costruzione della pagina di destinazione richiederà tempo, quindi aspettati di dedicare dalle 10 alle 20 ore (forse un po’ di più o di meno, a seconda della strategia adottata). Le tariffe orarie possono variare, da designer a designer, tra i 40/50 € l’ora fino a 300/400 €, a seconda della complessità di sviluppo richiesta.

Naturalmente questa è una stima di massima: il costo di una landing page molto semplice può essere sensibilmente inferiore, così come potrebbe aumentare leggermente in caso di progetti più complessi.

Ricordati che, se fatta bene, la tua landing page farà il lavoro per cui l’hai creata, e ti aiuterà a migliorare il volume di affari e aumentare i contatti.

Landing page: la guida in breve

In questa guida abbiamo visto:

  • Landing Page cos’è
  • Landing Page significato
  • Idee landing page e consigli utili
  • Crea landing page vincenti: cosa non deve mancare mai
  • Landing Page esempio
  • I vantaggi di una landing page
  • Costo landing page
[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

Ricevi i miei post prima di tutti

In tanti hanno già deciso di restare in contatto con me...vuoi unirti a noi?

Grazie, ti sei iscritto e riceverai i miei post prima degli altri!

Ops, qualcosa non quadra...